Foglio informativo sul coronavirus COVID-19 per donatrici e donatori di sangue

Il 16 marzo 2020 il Consiglio federale ha dichiarato la situazione in Svizzera come “situazione straordinaria” ai sensi della legge sulle epidemie ed ha rilasciato la nuova ordinanza sui provvedimenti per combattere il coronavirus.  

Questa ordinanza contiene misure per evitare inutili contatti interpersonali, al fine di proteggere la popolazione svizzera e le persone particolarmente vulnerabili. Secondo questa ordinanza, tuttavia, le attività dei servizi trasfusionali sono esplicitamente consentite e questo per garantire l'approvvigionamento di sangue.

Per le donatrici e i donatori di sangue valgono le seguenti misure:

  • Le donatrici e i donatori di sangue e il personale rispettano le misure igieniche dell’UFSP (“Così ci proteggiamo”)
    • Tenersi a distanza
    • Lavarsi accuratamente le mani
    • Evitare le strette di mano
    • Tossire e starnutire in un fazzoletto o nella piega del gomito
    • In caso di febbre o tosse restare a casa
    • Prima di andare dal medico o al pronto soccorso, annunciarsi sempre al telefono.
       
  • I centri trasfusionali e le unità mobili di donazione devono rispettare le precauzioni necessarie secondo l'ordinanza per evitare una possibile trasmissione della malattia.
    • Norme speciali sulla distanza
      A causa di ciò, possono verificarsi tempi di attesa prolungati, chiediamo la vostra comprensione.
    • Disinfezione costante delle superfici
       
  • Una donazione di sangue non è permessa se:
    • Ci si sente malati
    • Si hanno avuti sintomi di raffreddore o sintomi influenzali nelle ultime 2 settimane
    • Si hanno avuti stretti contatti con pazienti con un’infezione da coronavirus nelle ultime 2 settimane
    • Si ha avuto un’infezione confermata da coronavirus nelle ultime 4 settimane
Nota bene:
  • Tutti le donatrici e i donatori di sangue sono pregati di contattare telefonicamente il loro servizio trasfusionale in caso di domande e/o dubbi. Rispondiamo volentieri alle vostre domande.
  • Vi preghiamo di contattarci se vi ammalate nelle 2 settimane seguenti la donazione di sangue.
  • Secondo l’ordinanza, le persone particolarmente a rischio devono restare a casa ed evitare gli assembramenti di persone. Come persone a rischio sono tuttora considerate le persone a partire dai 65 anni e le persone che soffrono in particolare delle seguenti patologie: ipertensione arteriosa, diabete, malattie cardiovascolari, malattie croniche delle vie respiratorie, malattie o terapie che indeboliscono il sistema immunitario, cancro.

 
Vi ringraziamo per la vostra comprensione, contiamo sulla vostra solidarietà e ci rallegriamo per la vostra donazione di sangue.